DOT

Tecnologia

PORCELLANATO DIGITALE HD

Finitura

Naturale/Rettificato

Dimensioni

cm inches
60x120 24"x48"
30x120 12"x48"
60x60 24"x24"
TRIANGLE l.60 TRIANGLE l.24"

Spessore

10 mm

Specifiche tecniche

PEI 4

V3

DCOF WET: 0.73

Scarica il catalogo in PDF >>

Il cemento è il materiale che meglio definisce l’architettura moderna. Il beton armé ha trasformato il modo di costruire e di vivere le architetture, le città, i nuovi paesaggi urbani.
Prima costruivamo tutto in mattoni o in pietra.
Il cemento armato ha trasformato la mentalità delle persone comuni. Ha creato una nuova sensazione di materiale: freddo, grigio, apparentemente neutro, ma al tempo stesso irregolare, maculato, vivo e vibrante. Il modo con cui viene gettato e vibrato dentro ai casseri lo rende qualcosa di sempre diverso.
A volte più scuro, a volte più chiaro, con piccoli fori, tutto uniforme. Questa sua irrazionale e imprevedibile varietà di toni e di superfici lo avvicina all’irrazionalità dell’uomo, che coglie nelle sua materia tante percezioni diverse. Guardando intensamente il cemento si leggono molte storie diverse, parallele, sovrapposte e ricche di complessità. Non si tratta di una razionalizzazione fredda del costruire ma di una nuova materia che i migliori architetti hanno saputo riempire di poesia.
La luce rimane la grande protagonista del cemento. Quando essa sfiora il cemento, lo spazio si trasforma in vario modo, la percezione dell’ambiente non è mai univoca. Gli spazi rivestiti con DOT creeranno una sensazione di luce del tutto nuova nell’ambiente. La pesantezza del cemento si unirà alla leggerezza di altre pareti in un mix interessante di percezioni materiche.
DOT rende accessibile a tutti un materiale che raramente si può trovare negli edifici comuni.
Le grandi architetture moderne hanno spesso cemento armato a vista che conferisce loro un fascino particolarmente evocativo. Questo finora era sempre stato impensabile nell’uso quotidiano. DOT supera questo limite e permette a chiunque di arricchire i propri spazi con il fascino delle grandi architetture contemporanee. Le pareti delle cucine potranno essere rivestite con grandi lastre di cemento e cambiare la percezione del classico ambiente domestico. La loro nuova materia cementizia consentirà di leggere in modo diverso sia i vecchi arredi che il vecchio spazio da ristrutturare. I bagni non saranno più semplicemente leggeri, ma il cemento conferirà il fascino di un’architettura brutalista. Il bianco dei sanitari e delle vasche andrà in contrasto con la pesante matericità del cemento. Si avrà l’impressione di tenere le strutture dell’edificio a vista, nude e crude, senza alcuna finitura come se si trattasse di un loft ricavato da un’archeologica industriale, da una fabbrica dismessa.
Tutti gli spazi potranno trovare una nuova materia e una nuova luce con il cemento di DOT.