Il patio esterno di un giardino o un bel terrazzo spazioso, possono sicuramente aggiungere grande valore a una abitazione. Al giorno d’oggi, l’importanza di avere un’area esterna della propria casa ben arredata e moderna, permette di poter usufruire di un ambiente extra durante una calda e soleggiata giornata estiva.

Proprio per questo motivo, è importante dare a questi ambienti esterni un look contemporaneo e adeguato, in linea con l’arredo interno dell’abitazione, tenendo sempre in considerazione le diverse circostanze ambientali che inevitabilmente richiedono determinate caratteristiche tecniche dei materiali utilizzati nel rivestimento degli spazi.

 

Come abbiamo già approfondito nei nostri precedenti capitoli, il gres porcellanato presenta sicuramente caratteristiche tecniche, in termini di assorbimento d’acqua e resistenza all’usura, che lo rendono il materiale ideale per qualsiasi soluzione di rivestimento, sia a pavimento che a parete.

Per quanto riguarda i pavimenti esterni però, ci sono diverse considerazioni aggiuntive che dobbiamo preventivamente valutare.

Possiamo riassumere questa tematica in due caratteristiche principali e indispensabili da considerare nella scelta del tuo pavimento da esterno:

 

–   La scivolosità del pavimento e la resistenza alle condizioni atmosferiche:

le piastrelle da esterno, devono essere in grado di rispondere, in termini di durabilità, al continuo effetto di agenti atmosferici quali sbalzi di temperatura, pioggia e neve, che possono facilmente ridurre il ciclo di vita dei materiali utilizzati.

Strettamente legato a questa problematica, si colloca il tema della scivolosità della superficie calpestabile, oggetto di diverse regolamentazioni e criteri che devono essere soddisfatti per garantire sempre la sicurezza dell’utilizzatore finale.

In situazioni di umidità, o in caso di pioggia, è infatti importante che il pavimento risulti non-scivoloso e mantenga un elevato livello di grip, in modo da rendere la camminata sicura anche in condizioni di superficie bagnate (basti pensare a un comune bordo piscina).

 

o   DCOF

o   DIN 51130 – “R”

o   DIN 51097 – “A+B+C”

 

–   Lo spessore del pavimento:

il mondo del gres porcellanato offre oggigiorno una infinita varietà di soluzioni in termini di look, per soddisfare qualsiasi richiesta con le più fedeli riproduzioni di pietre, legni e cementi. In aggiunta, per quanto riguarda le soluzioni per pavimenti esterni, il gres porcellanato offre varietà anche in termini di differenti spessori: dal classico 10mm da interno, che si presenta con speciali finiture Antiscivolo, fino ad opzioni in 20mm, ideate ad hoc per la pavimentazione di ambienti esterni.

 

La principale distinzione tra queste due categorie di prodotto, sta nelle diverse soluzioni di posa che queste due categorie offrono all’installatore e all’utilizzatore finale.

Di seguito, cercheremo proprio di illustrare come queste due differenti di tipologie di piastrella possano soddisfare le più svariate necessità in termini di posa, in base a differenti scenari e campi di applicazione, entrambe mantenendo un occhio di riguardo alle caratteristiche tecniche di Antiscivolo e resistenza all’usura, necessarie per ottenere un prodotto durevole nel tempo dal look impeccabile.

–   10mm :

Questo è il caso di una piastrella a spessore tradizionale di 10mm la quale viene sottoposta a una lavorazione che contribuisce a modificarne le caratteristiche superficiali, le quali definiscono appunto la destinazione d’uso.

Tramite l’applicazione di particolari graniglie minerali durante la cottura (Corindone) caratterizzate da una elevatissima durevolezza, la superficie della piastrella risulterà strutturata e in rilievo, ruvida e opaca, rendendola molto simile alla pietra naturale al tatto, garantendo così una minor scivolosità ideale per applicazioni da esterno.

Nonostante la loro applicazione in ambienti esterni, il processo di posa di queste piastrelle sarà esattamente uguale a quello di una classica piastrella posata in ambienti interni:

è dunque necessario livellare attentamente la superficie di posa, su cui viene applicato un massetto classico, composto da sabbia e ghiaia a base cementizia. Una volta predisposto il massetto, viene steso uno strato di colla che avrà il compito di fissare le piastrelle alla superficie, la quale verrà successivamente stuccata e pulita con acqua.

 

 

–   20mm:

La versatilità di queste piastrelle a spessore 2cm, permette di soddisfare le più svariate esigenze in termini di posa in ambienti esterni. Oltre alla classica posa su massetto con l’applicazione di colla, diverse possono essere le soluzioni da percorrere:

 

o   POSA a SECCO su fondo morbido:

ideale per la posa su superfici esterne caratterizzate da un manto sabbioso o terroso come può essere un giardino o un gazebo esterno. Sarà necessario solamente ricreare un fondo ben livellato composto da ghiaia o sabbia, su cui potranno essere appoggiate le piastrelle senza l’utilizzo di alcun materiale collante;

o   POSA in APPOGGIO:

nel caso voleste appoggiare le vostre piastrelle direttamente sul manto erboso, sarà solamente necessario ricreare un incavo nel terriccio di pochi cm in modo da poter incassare le piastrelle e renderle più stabili. Questa soluzione, semplice e rapida, permette di lasciare del tutto inalterato il sottofondo, permettendo un perfetto drenaggio dell’acqua;

           

 

 

o   POSA SOPRAELEVATA:

questa particolare soluzione di posa, prevede l’applicazione delle piastrelle su appositi supporti, fisso o regolabili, in grado di ricreare una pavimentazione “galleggiante” molto flessibile e dal forte impatto estetico.

Adatta a superfici esterne ampie e regolari, la posa sopraelevata presenta innumerevoli vantaggi:

  • perfetta continuità tra le piastrelle grazie alla fuga minima richiesta tramite l’utilizzo dei supporti, la quale permette un efficiente drenaggio dell’acqua,  
  • l’intercapedine che si crea tra la piastrella e il sottofondo, garantisce il ricircolo di aria necessario per contrastare l’umidità e la formazione di muffa,
  • al tempo stesso, la sua praticità permette di poter manutenzionare il pavimento e gli impianti sottostanti (esempio tubature) in maniera rapida e agevole.

 

 

E ora cosa aspetti a dare al tuo giardino il look moderno e contemporaneo che hai sempre desiderato? Rimanete sintonizzati e continuate a seguirci nei nostri prossimi capitoli, con ulteriori consigli e guide per scoprire i mille vantaggi del mondo del gres porcellanato.

Se desideri ricevere ulteriori informazioni, contattaci:
https://lnkd.in/d2axMqS